Baby spacciatori tolti ai genitori

Confermata la perdita della patria potestà per i genitori di sei bambini, tra gli otto e i dodici anni, che venivano utilizzati per confezionare e spacciare droga e che nel gennaio dello scorso anno, su disposizione del Tribunale dei minori, furono affidati a case famiglia. Lo ha deciso il gip del Tribunale di Napoli Colucci, che ha accolto le richieste del pm della Dda D'Alessio a conclusione del processo con rito abbreviato nei confronti di presunti esponenti del clan Elia. Trentacinque le condanne, a pene varianti dai 20 ai 5 anni di reclusione, nei confronti di imputati - tra cui 12 donne - accusati di controllare importanti piazze di spaccio. Le pene più alte (20 anni) a Antonio e Ciro Elia, Adriana Blanchi, Giulia Elia, Anna De Muro, e Bruno Pugliese. Nel corso delle indagini dei carabinieri le riprese effettuate con microcamere mostrarono bambini intenti a confezionare dosi e, in alcuni casi, a spacciare dosi di cocaina, hashish, e marijuana. Il blitz scattò il 17 gennaio con 47 arresti.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. TV7
  2. Questure Polizia di Stato
  3. Irpinia news
  4. Irpinia news
  5. TV7

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Montesarchio

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...